Progetto SIS Sport Integrazione Sociale

  A.S.D. PEDALE ROSSOBLU – PICENUM  presenta il progetto SIS
– Sport
– Integrazione
– Sociale

capitanato dal Dott. Vito Suma, responsabile pubbliche relazioni, e referente principale del gruppo Direttori sportivi della A.S.D. PEDALE ROSSOBLU – PICENUM

Di : AstroIronMan

LOGO_SIS

 

Grazie alla collaborazione della  “A.S.D. Pedale Rossoblu-Picenum”, San Benedetto ospita il cicloraduno nazionale dei giudici di gara

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Una tre giorni dedicata interamente al ciclismo, ma questa volta dalla parte dei giudici di gara, i quali saranno i protagonisti del 33° Cicloraduno Nazionale. L’occasione vedrà proprio “quelli che giudicano” contendersi il trofeo della gara che si disputerà fra circa 60 giudici provenienti da ogni parte d’Italia.

L’evento è stata annunciato alla presenza dell’assessore allo sport Pierluigi Tassotti e il consigliere regionale Fabio Urbinati, i quali hanno lavorato spesso in tandem per l’organizzazione di iniziative sportive nella città di San Benedetto.

“La collaborazione fra Comune e Regione è fondamentale – ha spiegato Tassotti – Perché eventi come questo, la Gran Fondo o la Tirreno Adriatica sono grandi occasioni per la città di San Benedetto, ma rappresentano anche una spesa fortemente onerosa per le casse del comune. In questo, nonostante le divergenze ideologiche che ci separano, Fabio e io abbiamo sempre trovato un terreno comune su cui collaborare per portare grandi eventi sportivi in Riviera.”

L’evento di corredo alla gara aprirà le porte alle ore 15:00 di venerdì 21 ottobre con l’accoglienza dei partecipanti e delle loro famiglie presso l’Hotel Sporting di San Benedetto del Tronto.

La gara sarà disputata nella mattinata di domenica 23 ottobre, dalle ore 09:00 alle ore 12:00, con partenza nella zona circostante l’Hotel Sporting, e vedrà i giudici di gara affrontarsi su quella che è ormai rodata come la tappa di chiusura della Tirreno-Adriatica, il Lungomare di San Benedetto, su un percorso di 4,4km ripetuto per quattro volte.

“Eventi come questo non sono solo belli per gli amanti dello sport – ha spiegato Urbinati – Ma rappresentano un’importante occasione per i visitatori di conoscere e apprezzare più a fondo le bellezze del nostro territorio.”

Nel pieno dell’evento infatti, i partecipanti saranno guidati attraverso una visita più approfondita del territorio sambenedettese e, più ampiamente, di tutto il Piceno, con visite alla città di Ascoli e alla provincia di Fermo, rendendo l’incontro un’importante vetrina turistica per tutta l’area.

Parlano di NOI.. su TM notizie

Sabato 24 settembre: 1° trofeo Piemme a San Benedetto del Tronto

LOCANDINA GARA CICLISTICA DEL 24-page-001

SAN BENEDETTO – Il Pedale Rossoblù Picenum organizza sabato 24 settembre., il 1° Trofeo Piemme, gara ciclistica per giovanissimi presso la zona agraria di San Benedetto del Tronto. La società rivierasca costituita nel 1972 e affiliata alla Federazione Ciclistica Italiana, è il più antico punto di riferimento ciclistico sul nostro territorio. In questi ultimi anni il lavoro del presidente Alessio Marcozzi e di tutta la dirigenza si è rivolto soprattutto verso il settore giovanile, intorno al quale gli associati si sono stretti come famiglia attenta a proteggere e a far crescere i propri ragazzi attraverso il ciclismo.

Grazie alla passione e al costante lavoro dei direttori sportivi e collaboratori unitamente a tutte le famiglie che (a volte anche con sacrifici) hanno accompagnato puntualmente i ragazzi agli allenamenti e alle gare si è formato un gruppo di ragazzi giovanissimi allegri e grintosi che hanno portato quest’anno il Pedale Rossoblù Picenum ad essere una delle prime società a livello regionale nel settore proprio nella categoria dei Giovanissimi. Il club sambenedettese, insieme a tutte le famiglie dei piccoli ciclisti, vi aspetta sabato pomeriggio in Via Val Tiberina per tifare insieme i nostri GIOVANISSIMI DEL PEDALE ROSSOBLU!

Premiazione provincia di Ascoli e Fermo

21-11-2015

Presso il Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno, si è tenuta la premiazione per tutti glia atleti che si sono contraddistinti nell’anno agonistico 2015.
Il nostro atleta Davide Iotti, è stato premiato come Campione Provinciale,  della provincia di Ascoli Piceno e Fermo.
La squadra dei giovanissimi e stata premiata come terza classificata nei giochi d’abilita della provincia di Ascoli e Fermo… e terza classificata, come numero di tesserati… 

Tutto pronto per il 2016

Complimenti a tutti

 

Festa del pedale 2015

Fare CICLISMO e…non sentire la catena.

Fare ciclismo, da sempre, significa esporsi ai quattro venti e alle difficoltà altimetriche, forti o deboli che siano, e per combatterli è indispensabile forza sulle gambe e…furbizia.

Contro il dio del vento (contrario alla corsa) è necessario allearsi, creando con l’apporto dell’intero gruppo il “quinto vento” e con esso fare penetrazione e velocità.

Ogni concorrente, con ambizioni di piazzamento, deve cercare di relegare l’avversario là, dove non può usufruire di questa facilitazione, allargarlo, portarlo fuori dal ventaglio e conseguentemente fuori dal PODIO. Fare CIKLISMO è compito difficile, è materia molto impegnativa e la soluzione è riservata a pochi eletti, ma se non si prova, non si saprà mai quali sono le attitudini, il livello di soglia personale. Fare ciklismo e non sentire la catena, non sentire il tic tic della ruota libera, spingere il rapporto e …cantare! Questo è sinonimo di forma raggiunta, di competitività assoluta, di aver trovato casa sulle posizioni di testa e lì, stabilita la propria residenza, quindi provare a …VINCERE:

Per assaporare questa splendida sensazione, vanno messi in preventivo molti sacrifici ( che poi non sono affatto tali, se la passione è forte) pedalare, pedalare con metodo, con passione, con “costanza” ma anche con Vito, con Debora, con Franco, senza guardare le previsioni del tempo, senza farsi corrompere dalle amicizie fuorvianti “ fidanzarsi” con la BICI, portarsela a letto ed insieme  sognare i massimi traguardi.

Fare pranzo e … non sentire la forchetta.. Oggi è la festa del ciclismo locale, è  la festa

dell’A.S.D. Pedale Rossoblu-Picenum Il Ristorante “da Maria” con i loro “Impiccini” addetti all’organizzazione, accoglie ed onora la Società impegnandosi al meglio per soddisfare i delicati palati degli atleti, nel contempo deve accontentare anche le professionistiche forchette degli amatori i quali puntano scopertamente alla qualità e all’abbondanza senza altre riserve.  Tra una portata e l’altra, le conversazione cadono sul NOSTRO ciclismo, si parla delle gare non vinte per mille motivi contrari, delle gare dove si è stati protagonisti, dove si è imposta la corsa evidenziando incontestabili meriti che vanno dalla preparazione atletica azzeccata, alla ineccepibile direzione tecnica, delle doti naturali di questo o quel ragazzo, dei progetti per il prossimo ravvicinato futuro.

Intanto è d’obbligo affermare che il DIRETTIVO 2015 ( impegno triennale) guidato dal miracolistico presidente Alesso Marcozzi ha puntato sulla crescita Sociale Sportiva senza porsi limiti di miglioramento. I segnali sono buoni, l’impegno su tutti i fronti, fuori dal comune, con ciò, al di la dei risultati ( partecipazione a tutto campo e conseguente Ordine d’Arrivo ) la Società merita un buon distinguo e questo grazie a quei “fiori” chiamati ragazzi e ai loro genitori che si sacrificano, masticando in proprio ciclismo di base, per poi nutrire direttamente i loro pargoli anche con questa materia. Chi scrive non sta a (suonarsela e cantarsela ) espone ciò che vede, ciò che sente; chiunque dall’esterno, se si affacciasse sulla veranda del parco sociale, potrebbe certificare la volontà, la determinazione, la qualità dell’attuale A.S.D. Pedale Rossoblu- Picenum, sempre pronto a rigenerarsi, ad onorare i colori sociali e con essi la Città Principe della loro locazione che da sempre offre “la tela” su cui dipingere il CICLISMO attuale in proiezione futura.

GRAZIE ai ragazzi, ai loro genitori, ai Signori SPONSOR, alle autorità presenti, ai tecnici, al binomio dirigenziale Marcozzi A. Persico V. al Direttivo tutto !! Grazie Pedale Rossoblu !!

(E’ proprio giornata da conservare gelosamente in archivio)

Lorenzo Coccia

Pappata Sociale 2015

PRANZO SOCIALE 2015
Carissimo:

Stabilita la data- Elaborato il MENU- Aggiornato e confermato l’elenco degli
(amici del Pedale) Siamo lieti di invitarti al pranzo sociale che avrà luogo

Domenica 08/11/2015 Ore 13,00
Ristorante “ da Maria” Piazza Binni N°4 – 63077 Monsampolo (Fraz. Stella )
Recapito telefonico 0735/704278

Crediamo che l’ASD PEDALE ROSSOBLU-PICENUM ( in quanto tale) sia entrato e restato nel CUORE di quanti ne hanno fatto parte, a qualsiasi titolo e ruolo, di quanti ne sono OGGI parte integrante, di quanti (in prospettiva 2016) entreranno rendendo operativo un necessario ricambio generazionale.
Sicuri che vorrai onorarci della tua presenza, a festeggiare ed ammirare la “meglio gioventù “ del circondario Sambenedettese, protesa al raggiungimento di una sana maturazione fisica e morale, determinata ad inseguire il traguardo della promozione, oggi ad Atleti- domani a UOMINI senza macchia.
Nell’attesa di incontrarci, cogliamo l’occasione per ben distintamente salutare.
Festa deve essere, festa sia, e …festa sarà!!

 

Il presidente
Alessio Marcozzi
S.Benedetto del Tronto li 20/10/2015

Quota di adesione € 22,00
I ragazzi a carico della società
Per comprensibili motivi organizzativi , è “ d’obbligo “ la conferma entro il 31/10/2015

(ps) L’adesione può confermarsi ai N° telefonici:
347/3571752- Alessio/ 338/1596044- Valentino-349/6029948- Lorenzo- 0735/782172- Tecnociclo- di Fabrizio Oddi.

Giovanissimi.. Bravissimi!

19-04-2015  – I nostri giovanissimi si sono distinti nella loro prima gara stagionale, svoltasi a Porto Sant’Elpidio. Con i piazzamenti conquistati nelle varie categorie, si sono aggiudicati il terzo posto nella classifica a squadre. L’immagine non ha bisogno di commenti, per descrivere la gioia dei piccoli atleti, nell’aver portato a casa il loro primo trofeo dell’anno.

Complimenti a tutti i ragazzini partecipanti.

 

 

L’ammiraglia… nella nuova veste

L’ammiraglia è pronta.. per accompagnare i guerrieri sui campi di battaglia… e che battaglie vedremo… questo ANNO.

Si ringraziano tutti gli sponsor, per l’importantissimo aiuto che ci danno, almeno, per provare a realizzare i sogni di questi ragazzi…

La Nostra Storia

… raccontata da Lorenzo Coccia, uno tra i primi che hanno creduto in questa realtà.

G.S.D. Pedale Rossoblu- Polisportiva Picenum / 2009-

La storia del pedale e…“LA SVOLTA”

 *La gestione anagrafica “clienti sportivi” della Federazione Ciclistica Italiana –

Comitato Regionale Marche registra il  G.S.D. Pedale Rossoblu nell’anno 1972.

*La collocazione societaria, improntata sul nomadismo puro, senza fissa dimora, sedi e luoghi d’incontri provvisori, senza supporti cartacei, tanto meno informatici, senza scrivanie, il sellino al posto delle sedie, infatti, spesso il discutere, il vedersi, il decidere si sviluppava sui percorsi ciclistici domenicali, nei tratti dove si rendeva possibile il colloquio, l’ascolto, il fare salotto. Tutto questo solo la domenica, poiché nei giorni feriali il lavoro, condito da altro lavoro era compito improrogabile, nella migliore delle ipotesi se qualche fortunato riusciva a ritagliarsi un’ora  di formazione atletica, la “signora vergogna” lo bloccava sull’uscio di casa.

*La memoria storica vivente ne rivela le origini, nato a San Benedetto del Tronto (AP) per volontà d’uomini di SPORT, nostalgici dei loro trascorsi ciclistici, discepoli indegni ma tifosissimi ammiratori dei grandi campioni i quali restano indelebilmente nei loro ricordi. Generato all’interno del Circolo Dei Sambenedettesi, la bandiera ben tinta in ROSSOBLU, colori che erano già stati adottati dalla S.C. Ponterotto vecchia e gloriosa società ciclistica locale.  Si cantava la canzone (bellezza in bicicletta) “la bella” identificava la “mela proibita” dei ragazzi di allora, i quali non ne mangiavano per amore della bici, preferendo e seguendo gli irrefrenabili aneliti di libertà e la sensazionale scoperta di poter respirare anche senza azionare i polmoni.

*La bicicletta, questo era!                                                                                                               Non necessariamente agonismo, ma più semplicemente possibilità di volare sulle ali fantastiche dell’entusiasmo giovanile, verso, incontro, e a favore della libertà più assoluta.

Qui  non esistono recinzioni, aree vietate, orari vincolanti, itinerari obbligati, prendi la bicicletta e vai!!

*La storia del Pedale, seppur valorizzata da successi regionali ed extraregionali, non evidenzia grandi performance, ma la “ forgia” del G.S.D. Pedale Rossoblu ( Picenum) è restata sempre accesa, modellando ragazzi che hanno conseguito onorevolmente la qualifica di atleti prima, e di uomini, poi.

Il mezzo a pedali, utilizzato per gli spostamenti quotidiani, per le piccole consegne, distribuzione del pane, vendita di gelati, del pesce, l’arte dell’arrotino, dell’ombrellaio, o più semplicemente per recarsi al lavoro, tutti i servizi eseguiti in sella alla bici! In quei tempi i ragazzi, dopo il lavoro, concordavano tacitamente sfide all’ultimo respiro, stanchi, ma vogliosi di misurarsi, sui dossi del Comune vecchio, del S. Lucia, di Brancadoro, di Ragnola, da questi cimenti, da queste sfide nasceva la voglia di mettersi a …correre.

*L’albo d’oro dei presidenti che si sono succeduti o avvicendati alla guida del                                 G.S.D Pedale Rossoblu- Picenum, rivela, se ce ne fosse bisogno, la tendenza, ad una disperata ricerca di miglioramento, in tanti ci hanno provato ma il progresso è stato lento quasi impercettibile, come il movimento della lancetta dell’orologio che segnala le ore.

Da Rosetti Peppino nel lontano 1972 a Di Palma– da Di Sebastiano Angelo a Coccia Angelo– Da Mascaretti Vinicio a Rosetti Roberto– Da Rosetti Roberto a Coccia Angelo… a Pompei Gabriele- a Capriotti Nicola– a Coccia Angelo. COCCIA ANGELO … è l’uomo delle emergenze, nel momento in cui il Pedale stenta a “spingere” lui è lì, pronto a rilanciare, a rigenerarlo, a riaccendere la passione per il CICLISMO. Queste motivazioni hanno spinto il direttivo ad  eleggerlo Presidente per sempre, Presidente ONORARIO. Il dopo Angelo a Croci Massimo, un periodo tribolato, il suo ma supportato dal rispetto delle normative federali, e per questo criticato ( a torto)- infine a Bovara Roberto.

Roberto Bovara: ha raccolto l’ultimo testimone, è l’uomo nuovo, il catalizzatore, il sanatore economico, è volontà fatta persona, è modestia, è capacità: non promette la luna, non può farlo, ma assicura una gestione societaria sicura, tutta allineata sulla scia della collaborazione e dei regolamenti federali.

*L’avvenuto gemellaggio tra Polisportiva PICENUM e G.S.D. Pedale Rossoblu riscontra unanime consenso, garantisce il futuro sportivo di entrambi i sodalizi, ne amplia la visibilità e la valenza catalogando l’associazione su livelli interessanti.

I venticinque ragazzi “verdissimo parco” atletico del sodalizio- Giovanissimi – Esordienti e Allievi  saranno coccolati dalla vecchia guardia del Pedale, saranno “frustati” a livello ciclistico dagli oltre sessanta iscritti alla PICENUM ( tutti clienti fissi della TECNOCICLO di Fabrizio Oddi ( lu scienziato) sempre in grado di rispondere alle innumerevoli  richieste tecniche e riparative.) All’interno di questo plotone, ogni potenzialità ciclistica, ogni estrazione sociale, ogni categoria; dal “potalive” al maestro d’ascia, dal muratore all’ingegnere, dall’infermiere al chirurgo, dall’impiegato al dottore commercialista, dall’operaio semplice allo “scienziato” dal graduato all’ufficiale, dal praticante all’avvocato di grido; ornati da una pattuglia di splendide creature, fortissime e qualificate rappresentanti del gentil sesso che spesso si tolgono lo sfizio di domare l’uomo mortificandolo sul tratto più duro. In bici tutto si pianifica, tutto si livella e solo chi pedala più forte va sullo scranno più alto. Un buon numero di questi soggetti “fanno” ancora agonismo, ma al contrario dei “ragazzi del 1972” questi signori “la mela” la mangiano, e senza sbucciarla ( così affermano) ovvia la conseguenza, tra qualche anno il numero dei GIOVANISSIMI aumenterà per la gioia del D.S. Vito Santroni “maestro” di ciclismo embrionale.

L’invenzione del “trespolo “quattro pezzi di ferro, due ruote, una catena, pedivelle, moltiplica e rocchetto, pian piano si sono evoluti, elaboratissimi accorgimenti tecnici hanno migliorato la primitiva invenzione, arrivando quasi alla perfezione, nessuno oggi può dire; ( ho perso la volata per mancato funzionamento del cambio) ma hanno conservato il principio, imprescindibile: mezzo meccanico- propulsore- pilota – racchiusi e integrati tra di loro. (Vedere Pietro Roscioli- Vedere Nino Tozzi. Il loro CX- il massimo dell’assuefazione:

E’ sport individuale, è scontro diretto, è l’uno contro tutti, ma niente sgambetti, niente placcaggi, ognuno pedala per se, l’unico appiglio “furbesco” è il restare sulle ruote e trarne vantaggio, un vantaggio percepibile e quantificabile solo sui tratti veloci di pianura, dove la strada sale, o s’inerpica, inutile sfruttare la scia.      E’ sport costruttivo per i Giovanissimi, avvincente e qualificante nel periodo della competitività, conservante dalla terza età …in su.

L’anno 2009 è partito bene, l’acceleratore sotto il piede del presidente asseconda la “SVOLTA” imprime una controllata crescita, doma gli spiriti ribelli, stabilisce velocità di punta e media generale, senza fuori soglia, né sul lato sportivo né, tanto meno su quello amministrativo.                     Facciamoci tanti….   AUGURI

San Benedetto del Tronto 13/03/2009

 

Roberto Bovara rinuncia all’incarico, non per mancanza di passione e amore per il  Pedale Rossoblu–Picenum,  ma, molto più semplicemente, per incompatibilità con il suo ruolo di consigliere comunale. “Sponsorizza” alla sua successione il sambenedettesizzato  (Maurizio Iacoboni) il quale, a sorpresa, non “resta sulla ruota” passa al comando, lo sostituisce  e resiste in bellezza nel suo triennio gestionale collocandosi tra i migliori presidenti del sodalizio Rossoblu. Il tempo avanza senza tregua e anche il periodo Iacoboni giunge a fine legislatura: Maurizio non si  ricandida (anche per la fuga immotivata di diversi consiglieri)  costringendo la società   a “scavare” nella miniera  passionale ciclistica ed estrarre un PRESIDENTE:

Si propone ALESSIO MARCOZZI un ragazzo figlio del ciclismo passato, si accetta all’unanimità la sua candidatura e viene eletto incontrastato, rivelandosi, a strettissimo giro, ossigeno puro, linfa vitale, mente pensante e pratica, emergendo al di sopra di ogni più rosea previsione.

 Rifacciamoci tanti AUGURI !!!      San Benedetto del Tronto 22/02/2015       

Nuovo direttivo 2015

Il nuovo direttivo della A.S.D. Pedale Rosso Blu, anno 2015, è cosi composto :

 Presidente

Marcozzi Alessio

Vicepresidente

Persico Valentino

Presidente Onorario

Coccia Angelo

 Consiglieri

Partemi Ivo, Curzi Robert, Malizia Marco, Albanesi Maurizio, Acciarri Fabio,
Coccia Lorenzo, Persico Alberto

Direttori Sportivi 

Santroni Vito, Chiappini Antonio, Marucci Antonio, Cavallin Serafino

Aiuti Qualificati

Falleroni Franco, Persico Valentino, Malizia Marco, Curzi Robertino

 

Vorremmo far notare, che ci sono stati cambiamenti radicali all’interno del direttivo, dal presidente attuale Alessio Marcozzi, all’intera rosa dei consiglieri, che promettono un vero impegno nel seguire il settore giovanile, purtroppo trascurato fin ora per impegni organizzativi di grandi manifestazioni sportive, che tra l’altro non abbiamo più intenzione di organizzare… per ora!